Run, Triathlon e nuoto. Fiamme Cremisi: tre medaglie e un grande cuore

18.06.2019 13:08 di Daniela Acciardi   Vedi letture
Fiamme Cremisi
Fiamme Cremisi

Un fine settimana ricco di impegni e soddisfazioni per le Fiamme Cremisi, che hanno colorato le strade nazionali ed internazionali senza posa nel fine settimana fra sabato 15 e domenica 16 giugno.

E si parla ancora una volta di Super-Eva Vignandel che sabato si aggiudica la 12a Magraid Night & Trail. Completa i 25 km di percorso nella steppa dei Magredi in solo 1h 53’ 53,799”, mettendosi al collo la medaglia d’oro. Ad affiancarla c’erano anche Valentina Calgaro (2h 54’ 39,490”), Simone Bortolussi (2h 05’ 45”), Michele Coral (2h 36’ 26”) e Daniele Morassutti (2h 22’ 08”).

Ma la sezione femminile cremisina è solita portare orgoglio alla società. E così Daniela Bianchet si reca a Bardolino per il XXXVI Triathlon Internazionale. La gara, che prevedeva la distanza olimpica, era inoltre valida come 1a tappa del Circuito Internazionale Triathlon Race of 3 Nations. La Bianchet rientra nella top ten di categoria – 9° posto – chiudendo con l’ottimo tempo di 2h 47’ 7”.

E c’è chi è andato anche più lontano. Marta Bianchet, raccoglie infatti onori a Klagenfurt per la Wörthersee Triathlon. Buono anche il suo tempo di 2h 56’ 36,47” sulla stessa distanza che prevede 1.500 m di nuoto, 40 km in bici e 10 km di corsa.

Si è mantenuto più vicino, ma sempre fuori regione Franco Parma che ha partecipato alla 2a Baita Swim di Castelfranco Veneto. Percorre cioè 3.000 m di nuoto in acque libere in 51’ 37,80” e sale sul terzo gradino del podio.

La giornata di domenica non è stata da meno. La squadra ha letteralmente preso d’assalto la 4a Cansiglio Run. Moltissimi cremisini hanno preferito partecipare alla non competitiva di 10 km, ma una buona rappresentanza si è messa alla prova sui 24 km. Il miglior tempo della squadra è segnato da Daniele Farenci (2h 23’ 52”), cui seguono Marco Milani (2h 32’ 9”), Roberto Toffoli (2h 45’ 37”), Daniele Baruzzo (2h 52’ 3”) e Giuseppe Attilio Scucchia (2h 52’ 36”).

La splendida coppia di cremisini, uniti nella vita e nella corsa, Luisa Corradini e Luigi Alberto De Nicolò hanno invece partecipato al Memorial Fantone Ignazio de Garbagna, 5a edizione del Trail Montebore. Dopo 10 km di corsa e 400 m di dislivello, lui taglia il traguardo in 1h 23’ 7”, lei in 1h 45’ 34”.

Il mitico Giuseppe Angius pianta bandiera ad Agrigento per il 1° Triathlon Sprint. Percorre 750 m di nuoto, 20 km sulle due ruote e 5 km di corsa in 1h 26’ 39,3”.

L’ultima gara e medaglia del fine settimana arriva da Paluzza con la 12a International Skyrace Carnia, valido come Campionato Italiano. L’impegnativo percorso di 24.500 m con un dislivello negativo di 2.004m su sentieri di montagna con salite e discese impegnative, ha concesso a Giuseppe Rinaldi la medaglia di bronzo di categoria, conquistata in 4h 43’ 14,08”. Lo segue a ruota il compagno di squadra Alessandro Avoledo con 4h 43’ 20,46”.

Ma siccome l’attenzione verso i meno fortunati è uno dei principali impegni delle Fiamme Cremisi, le sorelle Tiziana e Barbara Bertoia hanno partecipato alla 7a NoiCorriamoInRosaPer, quest’anno finalizzata a raccogliere fondi per il progetto “Passaporto Genetico” per tutti i bambini malati di leucemia. Il progetto offre a tutti i bambini una possibilità in più di guarigione ed una riduzione della tossicità.

Le sorelle Bertoia, Tiziana e Barbara, hanno quindi percorso la bellezza di 250 km con 11.000 m di dislivello in quattro giorni, da mercoledì 12 a domenica 16 giugno. Il prologo era dal Golf des Iles Borromées Carpugnino a Coiromonte; il secondo giorno si proseguiva alla volta di Lissago (VA); per giungere il terzo giorno a Brunate (CO). Sono arrivate così a Mondonico (LE) e l’ultimo giorno hanno portato a termine le proprie fatiche a Monza presso il Centro Maria Letizia Verga, organizzatore dell’evento.

Al traguardo sorrisi e gioia ben si addicevano al motto “insieme per salvare un bambino in più”. Perché la consapevolezza di fare del bene dà ancor più soddisfazioni di qualsiasi medaglia.