Lo Zoom di M. Mazzarella: "Finalmente si gioca"

15.09.2018 08:37 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Alamy stock photo
Alamy stock photo

Ritorna dopo la lunga pausa estiva l'Avvocato Mazzarella e il suo Zoom di approfondimento sul Campionato di Serie C 2018/2019:

L’Italia calcisticamente paese del terzo mondo!

Dopo mesi finalmente si sono formulati i Campionati di Lega Pro. Nel lontano 1979 avevo scritto che l’ideale per il professionismo era un campionato di Serie A a 18 squadre e 2 di B a 20; in quel momento la federazione prevedeva un Campionato di Serie A, uno di B, due gironi di C1 a 18 squadre, e 3 gironi di C2 a 18 squadre; totale 110 squadre praticavano il professionismo: una follia!!! Oggi le squadre sono 99.

Ogni commento è superfluo! Il girone dei Ramarri presenta già una corazzata che risponde al nome della Ternana; Dopo di lei Feralpisalò, Pordenone, Vicenza (se la Diesel capisce che con l’attuale squadra non può vincere) e poi la mina vagante Monza (se Berlusconi e la Galliani dovessero acquistare le quote societarie). Dopo di queste Triestina, Sudtirol e qualche altra sorpresa nella zona adriatica ( Romagna, Marche, Abruzzo).

La squadra del Pordenone, a mio avviso, si è rinforzata in difesa con l’arrivo di Semenzato e l’acquisto di Barison (sono comunque dell’idea che vicino a Stefani doveva essere preso un pezzo da “90”); a centrocampo Burrai, Misuraca e Bombagi, con Berrettoni mezzapunta costituiscono un buon reparto; a questi si deve aggiungere Gavazzi che se riacquista la continuità perduta negli ultimi 3 anni, costituirà un pilastro del centrocampo. Davanti, purtroppo, pur essendo tutte le punte interessanti, manca l’uomo da 20/25 goal; potrebbe esplodere qualcuno degli attuali punteros. Vedremo.

Lovisa, come Presidente, ha fatto il suo dovere prendendo un allenatore come Tesser che è una garanzia assoluta e presentando ai nastri di partenza, una squadra altamente competitiva.

La prima partita verrà giocata contro il Fano e questa potrebbe essere l’occasione per l’ex Germinale di andare in goal.

In bocca al lupo ai Ramarri per il 2018/2019. I tifosi, come al solito, faranno il loro dovere.

Alla prossima.

Avv. Maurizio Mazzarella