Pordenone Calcio: crowdfunding neroverde

29.11.2018 10:24 di Redazione TuttoPordenone  articolo letto 259 volte
Fonte: Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: crowdfunding neroverde

L’obiettivo minimo dell’equity crowdfunding che verrà presentato domani in Municipio a Pordenone è raggiungere il 250 mila Euro entro il 31 dicembre, data di chiusura dell’iniziativa. Se non verrà raggiunto tale traguardo i soldi raccolti verranno restituiti ai sottoscrittori.

Un obiettivo ambizioso per una piazza come Pordenone, salita agli onori della cronaca nazionale solo in questi ultimi anni della gestione di Mauro Lovisa. Re Mauro però si mostra abbastanza ottimista. A cosa serviranno i soldi raccolti?

“Il Pordenone Calcio – si legge nella nota pubblicata sul sito thebestequity.com - vuole crescere, anche formando in casa il Pordenone del futuro. Nell’ottica dell’ulteriore valorizzazione di un centro sportivo d’eccellenza e di una filosofia societaria focalizzata sulla valorizzazione e lo sviluppo dei propri giovani, il Pordenone Calcio intende reperire risorse aggiuntive per il raggiungimento della Serie calcistica superiore (Serie B), rispetto a quella attuale di militanza, siglando un vero e proprio patto con la città”.

Il progetto, già annunciato lunedì scorso a Legnano presso Villa Jucker, verrà ufficialmente presentato domani nella sala Rossa del Municipio. Il modello naoniano è citato anche nello stesso sito che lancia l’iniziativa dove si legge:

“Il Pordenone Calcio S.r.l. è una società a responsabilità limitata avente ad oggetto esclusivo l’esercizio di attività sportive e, in particolare, la formazione e la gestione di squadre di calcio, nonché la promozione e l’organizzazione di gare, tornei ed ogni altra attività calcistica in genere. La società milita nel campionato di Lega Pro – Serie C dalla stagione 2014/2015 ed è stata in grado di affermarsi e farsi apprezzare anche su scala nazionale, unendo l’ambizione di crescita con la valorizzazione dei giovani (400 tesserati), il sociale ed il legame con il territorio. L’intensa attività è stata impreziosita dalle attenzioni dei migliori club di Serie A per il vivaio ed il settore agonistico”.