Pordenone Calcio: il caldo giugno neroverde

14.06.2019 09:07 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: il caldo giugno neroverde

Sarà un giugno caldo per il Pordenone così come per tutte le altre squadre che dovranno iscriversi ai campionati professionistici.

Sono due le scadenze importanti nei prossimi undici giorni. Il 17 giugno dovrà essere depositato in Federazione il contratto di concessione dello stadio che verrà utilizzato per le gare in casa e sette giorni dopo (24 giugno) dovrà essere presentata la domanda d’iscrizione al campionato di competenza. Per il Pordenone si aggiunge un’altra scadenza, quella del 19 giugno, termine ultimo per la sottoscrizione delle quote da 250 Euro ciascuna per il progetto di crowdfunding Pordenone 2020.

Come è noto il Pordenone indicherà la Dacia Arena come impianto delle gare casalinghe. L’accordo con la famiglia Pozzo è stato raggiunto da tempo e non ci saranno quindi problemi ad allegare alla dichiarazione copia della convenzione relativa. Mauro Lovisa è stato di parola.

“Appena raggiunta la certezza della promozione – aveva detto lo scorso aprile - in due giorni risolverò la questione stadio”.

Un po’ più problematica è stata la raccolta fondi attraverso l’azionariato popolare. La prima scadenza per il raggiungimento dei duemilioni duecentomila Euro stabiliti come obiettivo alla presentazione del progetto era stata fissata per il 31 dicembre dello scorso anno. Scadenza posposta poi una prima volta al 31 marzo, poi ancora al 15 maggio, all’8 giugno e infine al 19 giugno, cinque giorni prima della scadenza dei termini per la presentazione della domanda di iscrizione al campionato di serie B. A ieri si era ancora fermi al 52 percento (poco meno di un milionecentocinquantamila Euro) dell’obiettivo stabilito. Di questi, per ammissione dello stesso re Mauro, circa novecentomila Euro sono stati sottoscritti dalla famiglia Lovisa e dagli attuali soci neroverdi. Quindi dai “nuovi” sottoscrittori sono giunti circa 250 mila Euro. E’ ragionevole pensare che entro il 19 giugno l’obiettivo verrà comunque raggiunto, magari con un nuovo allargamento dei cordoni delle borse degli stessi soci storici. Subito dopo bisognerà pensare all’iscrizione al campionato che dovrà essere corredata dalla documentazione relativa all’appianamento delle perdite relative sino al 31 marzo scorso. I dati ufficiali della stagione 2018-19 non sono ancora disponibili. Quelli della passata, tanto per fare un esempio, ammontavano a circa due milioni e mezzo di Euro. Non basta: a corredo della domanda di iscrizione dovrà essere presentata anche una fideiussione bancaria del valore di ottocentomila Euro. Le domande verranno esaminate e una risposta verrà dalle commissioni preposte entro il 4 luglio. In caso di esito negativo le società avranno poi tempo sino all’8 luglio per presentare ricorso. La decisione finale verrà comunicata nel consiglio federale del 12 luglio. Auspicabilmente Lovisa e soci riusciranno ad adempiere a tutti gli obblighi.