Pordenone Calcio: la politica dei piccoli passi

09.04.2019 10:40 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Dario Perosa - Gazzettino di Pordenone
Pordenone Calcio: la politica dei piccoli passi

E’ il ramarro dei piccoli passi, almeno in questa ultima parte di campionato. Politica che sino a oggi ha funzionato alla perfezione.

I neroverdi hanno pareggiato cinque delle ultime sei partite giocate: 1-1 con la Sambenedettese, 1-1 con il Monza, 1-1 a Terni, 0-0 con il Sudtirol, 0-0 a Ravenna. Hanno vinto però quella più importante al Rocco (2-1) con la Triestina sino a domenica scorsa avversaria più pericolosa nella corsa verso la serie B.

Percorso che ha consentito a Tesser e ai suoi uomini di attraversare anche il ciclo terribile di marzo mantenendo un buon margine di vantaggio sulle immediate inseguitrici.

A sole quattro gare dal termine i ramarri possono contare ancora su 7 punti di vantaggio sulla stessa Triestina. La novità sta nel fatto che i rossoalabardati sono stati affiancati sul secondo gradino a quota 58 dalla Feralpisalò. Nello stesso arco di tempo (6 turni) la Triestina ha incassato solo otto punti, compreso quello di domenica scorsa a Gubbio, dove i muli hanno agguantato il pareggio (2-2) dopo essere stati sotto di due gol, proprio come nel match di andata con gli Eugubini al Rocco. In pratica si è trattato di una resa quasi ufficiale.

Diversa la situazione della Feralpisalò. I leoni del Garda possono infatti contare sullo scontro diretto con il Pordenone che il calendario mette in programma proprio all’ultima giornata della stagione regolare. In questo caso la politica dei piccoli passi potrebbe non bastare al Pordenone.

I ramarri d’altro canto possono sperare in un risultato positivo per loro nello scontro diretto della terz’ultima fra leoni e muli al Turina.