Pordenone Calcio: Ramarri non belli, ma primi

 di Redazione TuttoPordenone  articolo letto 220 volte
Fonte: Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: Ramarri non belli, ma primi

Meglio un ramarro bello o uno brutto, ma primo?

L’ideale lapalissiano sarebbe un ramarro bello, vincente e primo. Il connubio fra estetica e convenienza è riuscito a pochi. Spesso bisogna scegliere.

Famosa la frase di Giampiero Boniperti, inclito bomber della Nazionale e della Juve, della quale fu anche presidente onorario:

Vincere non è importante, è la sola cosa che conta”.

Se il Pordenone domenica è stato vincente gran parte del merito deve essere attribuito a Michele De Agostini che al 45’ ha pareggiato il gol segnato appena 3’ prima da Falou Samb. Se il Ravenna fosse andato al riposo in vantaggio forse avremmo raccontato un’altra storia. Invece su quel gol di Michele (splendidamente servito da Formiconi) e sul rigore trasformato al 45’ della ripresa da Salvatore Burrai sono stati costruiti la vittoria e il primato (in coabitazione con la Sambenedettese).

Due degli eroi di Tedino. Ramarro fortunato e vincente. A farlo diventare anche bello sarà un altro compito di Colucci.