Pordenone Calcio - Rossitto: "Con Tesser ramarri fra i top team di serie C"

09.07.2018 09:17 di Redazione TuttoPordenone  articolo letto 392 volte
Fonte: Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio - Rossitto: "Con Tesser ramarri fra i top team di serie C"

Fabio Rossitto crede in Attilio Tesser e punta sul Pordenone. Il Crociato è proprio speciale. Altri al suo posto (“tagliato” per la terza volta nonostante l’ottimo lavoro fatto) nutrirebbero rancore non solo verso la società, ma pure verso il tecnico che ancora una volta (era già successo la scorsa estate a Cremona) va a sedersi sulla panca che era sua.

“Tesser è un grande colpo di Lovisa – giudica invece Fabio -. E’ il top della categoria”.

Rossitto va oltre.

“Con l’ingaggio di Tesser – spiega infatti – Mauro ha voluto lanciare un messaggio chiaro al popolo neroverde: vogliamo andare in B. Tesser sa il fatto suo. Conosce bene i giocatori della categoria e si porterà sicuramente dietro tre o quattro dei suoi fedelissimi, adatti al 4-3-1-2 che è il suo marchio di fabbrica. Giocatori esperti di categoria che innalzeranno le quotazioni del Pordenone”.

Gente da reperire in fretta perché il mercato è rimasto fermo in attesa prima di Zironelli e poi dello stesso Tesser.

“Il mister è bravo anche in questo campo – è sicuro Fabio – e saprà dare i giusti consigli a chi di dovere”.

Rossitto punta al buio anche sulla squadra.

"I ramarri faranno parte dei favoriti della prossima stagione. Sulla consistenza dell’organico che verrà messo a sua disposizione Tesser avrà avuto ampie garanzie. Altrimenti non avrebbe accettato la proposta pordenonese. Non gli mancavano certo avances da altre piazze, anche di maggiore prestigio.

E’ uno che bada più alle idee e ai programmi che ai soldi. Lo conosco da quando allenava la Triestina (2003-05, ndr). Mi voleva con sé come giocatore. Sono sicuro – qui magari si fa sentire anche il tifoso – che il Pordenone sarà fra le tre o quattro squadre che si contenderanno la promozione in serie B. Le altre? Dipende da come verranno formati i gironi. Se dovesse restare la suddivisione della scorsa stagione vedo fra i top team la Triestina che si sta muovendo veramente bene sul mercato. Il ritorno in rossoalabardato di Federico Maracchi è la ciliegina di una campagna più che promettente. Poi punto in fiducia anche sul nuovo Vicenza. Per tradizione, per la sua storia e per la caparbietà di uno come Renzo Rosso che dopo aver fatto benissimo in una località secondaria come Bassano ora vorrà certamente fare ancora meglio in una delle grandi piazze del calcio italiano dove la gente si è fatta il palato fino – non manca di puntualizzare il Crociato - con campioni come Pablito Rossi e Roby Baggio, tanto per fare un paio di nomi, e che ora ambisce a tornare in fretta nel calcio che conta”.

E per Rossitto quale futuro si apre?

Per ora nulla – risponde il Crociato -. Ho avuto qualche contatto con Monopoli e Reggina, piazze troppo lontane da casa. Andrò in giro durante la settimana ad aggiornarmi seguendo gli allenamenti di altri mister. Il primo che seguirò sarà Silvio Baldini, già secondo di Spalletti a Udine, oggi alla Carrarese. E di domenica sarò al Bottecchia a fare il tifo per i neroverdi in mezzo al popolo che mi ha tanto amato e sostenuto. Cantavano sempre: Rossitto uno di noi. Ora lo sarò per davvero, uno di loro, in mezzo a loro”.