Pordenone Calcio, Rossitto: "Il campionato sarà fermato"

09.03.2020 08:46 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio, Rossitto: "Il campionato sarà fermato"

“I campionati di serie A e serie B verranno fermati, non semplicemente sospesi. La confidenza mi è arrivata da un direttore sportivo importante, amico mio”.

La soffiata è di Fabio Rossitto, ex neroverde, attualmente alla Manzanese per scelta di vita.

Personaggio straordinario che nel passato ha vestito oltre alla casacca dell’Udinese, anche quelle di Napoli, Fiorentina e della nazionale azzurra, percorso durante il quale ha avuto modo di coltivare e mantenere parecchie amicizie importanti.

"Quando il blocco sarà ufficializzato – continua Rossitto – le classifiche verranno congelate. Saranno annullati playoff e playout. Promozioni e retrocessioni verranno determinate dalle posizioni delle squadre al momento dello stop”.

L’ex azzurro sposa totalmente l’ipotesi di blocco totale.

“Sarebbe una decisione – si spiega – adeguata alla situazione che stiamo vivendo. Il rischio di contagio in campo dove i contatti sono continui e inevitabili è altissimo. Non si può ignorare tutto questo – conclude Fabio – mettendo a repentaglio la salute dei giocatori”.

Se effettivamente venisse bloccato in maniera totale anche il campionato di serie B il Pordenone si vedrebbe privato della soddisfazione di accedere alla post season nobile.

“Ai ramarri – riprende Rossitto – rimarrebbe comunque l’orgoglio di essere la vera squadra rivelazione della stagione. Dopo un girone di andata straordinario, concluso al secondo posto con la conquista del tutolo di vice-campioni d’inverno, i ramarri hanno subito fra gennaio e febbraio un periodo di calo fisiologico. Flessioni che prima o poi hanno tutte le squadre. Tesser però ha gestito alla perfezione il momento difficile e ha saputo trovare le contromosse giuste per uscire dal tunnel. Comunque vada a finire questo campionato – conclude Rossitto – al Pordenone resterà la soddisfazione di aver fatto veramente paura a tutti”.