Pordenone Calcio - Tesser: "Rispetto per tutti, paura di nessuno"

08.01.2019 09:50 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio - Tesser: "Rispetto per tutti, paura di nessuno"

I ramarri si sono ritrovati ieri al De Marchi per riprendere la preparazione dopo la pausa di inizio anno concessa da Attilio Tesser. Non ci sono partite da disputare nell’immediato, ad eccezione dell’amichevole di sabato, sempre al De Marchi con inizio alle 14.30, con la Primavera della Spal. Il campionato riprenderà infatti soltanto il 19 gennaio, seconda giornata del girone di ritorno, che vedrà ospite al Bottecchia (fischio d’inizio alle 16.30) l’Albinoleffe.

Tre giocatori chiave non hanno iniziato bene il 2019. Alla ripresa di ieri infatti hanno lavorato a parte Salvatore Burrai, Alberto Barison e Francesco Bombagi.

“Tutti tre – ha subito rassicurato i tifosi presenti Attilio Tesser – sono recuperabili per il match con l’Albinoleffe. Anzi potrebbero scendere in campo già sabato nell’amichevole con la Primavera della Spal”.

Tesser e il suo staff stanno sottoponendo Stefani e compagni a una sorta di richiamo della preparazione effettuata la scorsa estate. Ieri l’allenamento è stato basato principalmente su di un lavoro fisico con doppia seduta, al mattino e al pomeriggio. Anche oggi due sedute (10.30 e 15) basate principalmente sulla forza. Dai giorni seguenti si comincerà a lavorare sulla velocità. La fatica si sente meno con il virtuale scudetto d’inverno cucito sul petto e con 8 punti di vantaggio sull’immediata inseguitrice, la Triestina.

“I ragazzi la sentiranno anche meno - sorride Tesser -, ma per me non è cambiato nulla. E’ quello che ho detto anche a loro: dimentichiamo la classifica e riprendiamo a lavorare come se dovessimo ripartite tutti da zero. A gennaio comincia un nuovo campionato, con squadre diverse rispetto a quelle incontrate nel girone di andata visto quello che sta succedendo nel mercato”.

Effettivamente la finestra invernale si è appena aperta, ma i botti si sono fatti già sentire. In particolare quelli provenienti dalla Brianza dove Silvio Berlusconi e Adriano Galliani stanno letteralmente trasformando il Monza affidato al loro pupillo Cristian Brocchi.

“Vero – annuisce l’Attilio -, a Monza evidentemente i soldi non mancano e stanno facendo arrivare tutti giocatori di categorie superiori. Fossati scende addirittura dalla serie A, gli altri dalla serie B”. Brocchi avrà a disposizione per il ritorno una super squadra, ma si trova sempre a 14 lunghezze dal Pordenone capolista. “La domanda che mi fanno più spesso – sorride di nuovo Tesser – è se cominciamo ad aver paura del Monza. Noi dobbiamo avere rispetto per tutti, ancora di più per squadre con roster come quello che si sta costruendo a Monza, ma paura di nessuno. Adesso tutti parlano dei brianzoli, ma non bisogna scordare la Triestina, la Ternana, la Feralpi, lo stesso Vicenza. Ricordo che anche della Ternana dicevano che avrebbe fatto corsa a parte. Il girone di andata ha dimostrato che questo campionato non è facile per nessuno. Noi non abbiamo fatto proclami né programmi. Abbiamo affrontato una gara per volta concentrandoci al massimo sull’avversario di turno, indipendentemente dal nome e dalla sua posizione in classifica. Così – indica la via il tecnico di Montebelluna – dovremo fare anche dal 19 gennaio al 5 maggio. Poi guarderemo la classifica per capire dove saremo arrivati".