Serie C 2018/19: 4 Società senza fidejussione; a rischio anche altre

08.07.2018 08:15 di Redazione TuttoPordenone  articolo letto 467 volte
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Serie C 2018/19: 4 Società senza fidejussione; a rischio anche altre

Sarebbero quattro le società che, pur avendo presentato domanda di iscrizione al campionato di serie C entro il 30 giugno, non hanno allegato copia della fidejussione a garanzia delle spese entro il termine stabilito (mezzanotte del 6 luglio). Si tratterebbe di Mestre, Fidelis Andria, Reggiana e Lucchese. Non sarebbero queste le sole società a rischio.

Altri sodalizi (Arezzo, Matera, Cuneo) non avrebbero tutti conti in regola. Il condizionale è dovuto al fatto che ora tutte le domande con relativa documentazione verranno esaminate dalla Covisoc che emetterà le sue sentenze il 12 luglio, quando saranno comunicate le squadre iscritte al campionato, chi regolarmente (per aver espletato tutti gli obblighi entro il 30 giugno), chi penalizzato (per aver completato la lista dei documenti di supporto dopo il 30 giugno, ma entro le 24 del 6 luglio).

Chi verrà bocciato il 12 luglio potrà comunque sperare di giocare in serie C. Per riuscirci dovrà fare ricorso contro le decisioni della Covisoc entro il 16 luglio il cui esito verrà praticamente ufficializzato nella prossima assemblea di Lega Pro durante la quale verranno ufficializzate le partecipanti al campionato di serie C 2018-19. Questo in teoria. La storia ci ha insegnato che anche dopo l’ultima sentenza della Lega Pro le società escluse possono far ricorso ai vari Tar e lasciare tutti nell’incertezza sino alla vigilia (e qualche volta anche oltre) dell’inizio del campionato.

Proprio per tale ragione l’ultimo consiglio direttivo di Lega Pro del 2 luglio ha deliberato di chiedere alla Figc di rivedere le modalità di iscrizione al campionato di terza serie rendendo obbligatoria la presentazione della documentazione di supporto contemporaneamente alla domanda di iscrizione il 30 giugno.