Pordenone Calcio: Volemo il Gol di Burrai

18.05.2020 08:17 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Dario Perosa - Gazzettino di Pordenone
Pordenone Calcio: Volemo il Gol di Burrai

E’ di Salvatore Burrai il gol più bello fra i 37 segnati dai neroverdi sino alla ventottesima giornata, ultima prima dello stop al campionato imposto dalla pandemia. Lo hanno decretato i tifosi neroverdi che hanno risposto con entusiasmo all’ennesima iniziativa del settore comunicazione, stampa e digital del club di Mauro Lovisa. Per tenere vivo l’entusiasmo del popolo neroverde durante la lunghissima quarantena Marco Michelin e Sebastiano Orgnacco hanno lanciato il sondaggio “Volemo il gol”. La competizione virtuale fra i goleador neroverdi ricava la sua denominazione dal coro della curva che accompagna le gare dei ramarri. 

Attraverso Facebook, Instagram e Twitter è arrivata l’ondata di risposte sui confronti che di volta in volta proponeva l’ufficio preposto. Scegliere non è stato certamente facile perché parecchie sono state le reti pregevoli firmate da 13 marcatori diversi. In corsa sino all’ultimo sono stati oltre allo splendido gol realizzato da Burrai nel match contro l’Ascoli anche i centri di Gavazzi nella sfida con il Perugia, di Chiaretti in quella con il Livorno e di Pobega nella trasferta a Livorno. Realizzazioni che sono visibili sui social della società neroverde (Facebook, Instagram e Twitter). Troppo bella però la conclusione di prima a scendere di Salvatore, servito da Zammarini, con pallone che si infila sotto al sette più lontano della porta marchigiana, per non meritare il gradino più alto del podio. A convincere definitivamente i cuori neroverdi è stata poi la scivolata sotto la curva dello stesso Burrai una volta visto il pallone entrare in rete. Per la cronaca subito dopo raddoppiò Strizzolo; l’Ascoli accorciò le distanze con Cavion fissando il risultato finale sul 2-1 per i ramarri.

In sala stampa Burrai, dopo aver dedicato il gol alla moglie, assicurò che con la splendida conclusione di interno destro di prima aveva veramente cercato la porta avversaria. “Volevo proprio metterla dentro anche se – ammise con straordinaria onestà – sono stato pure un po’ fortunato perché c’è stata una piccola deviazione”. Ovviamente soddisfatto per la stima confermatagli dal popolo neroverde, il centrocampista sardo si rimette in gioco. “Non si tratta di una vittoria definitiva – ha infatti affermato – perché la stagione è ancora aperta. Rimetterò volentieri in palio il prestigioso titolo nelle ultime dieci gare della stagione perché significherebbe che il campionato è ripreso e che il Pordenone ha ripreso a segnare reti di qualità”.