Pordenone Calcio - Tomei al Siracusa: "Inizia una nuova avventura"

 di Redazione TuttoPordenone  articolo letto 525 volte
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio - Tomei al Siracusa: "Inizia una nuova avventura"

Un altro ramarro sulla rotta che lega Pordenone alla Sicilia. Dopo Tedino, Marchetto, De Bernardin e Ingegneri a Palermo, Semenzato a Catania, anche Matteo Tomei giocherà in Trinacria, a Siracusa. Potrebbe non essere l’ultimo. "Nemo propheta acceptus est in patria sua” (Vangeli), nessun profeta è gradito in patria sua. Non lo è stato a lungo nemmeno Matteo Tomei, un dei rarissimi pordenonesi della rosa neroverde della passata stagione. Non lo fu suo padre Ermanno, almeno da allenatore, “fatto fuori” da Mauro Lovisa senza nemmeno poter dare il suo contributo.

Alla conferenza stampa di presentazione di Gerardi (altro pordenonese chiamato a sfatare la regola), re Mauro ha ringraziato tutti coloro che lasciano il Pordenone.

“In particolare – ha sottolineato – Matteo Tomei che si è comportato da gran signore”.

Un riconoscimento tardivo. Non la pensava così quando costrinse Tedino a lasciarlo fuori squadra perché non aveva partecipato alla famosa “cena della riconciliazione”. Inutili le giustificazioni di Matteo:

“Avevo mio figlio con 39 e mezzo di febbre e non è vero che mi avevano visto in Corso. Fu una voce messa in giro ad arte. Da quella volta – aggiunge – i rapporti si sono incrinati e immaginavo che saremmo arrivati a questa soluzione. In verità – racconta Matteo – Colucci e Migliorini mi avevano confermato la loro stima, ma la società ha deciso diversamente”.

Matteo è un professionista e sa comunque guardare avanti.

“Mi ha fortemente voluto il Siracusa – ha raccontato – e ho accettato. Inizia una nuova avventura”.