Lo Zoom di M. Mazzarella: "Oggi la Serie B non è matematica ma con 10 punti di vantaggio..."

13.03.2019 09:20 di Redazione TuttoPordenone  articolo letto 764 volte
Lo Zoom di M. Mazzarella: "Oggi la Serie B non è matematica ma con 10 punti di vantaggio..."

Lovisa e Tesser conquistano anche Trieste!

I Ramarri con un primo tempo magistrale mettono in ginocchio i “muli” triestini. La Triestina, oggi seconda, è a 10 punti ma quello che è più importante è che la Feralpi, terza, è a 11 punti, dopo aver perso con l’ultima in classifica, la V. Verona. E adesso?

Quattro/cinque anni fa circa, con il Pordenone ancora in Serie D, avevo suggerito a Mauro (Lovisa) di trasferire l’intera squadra a Trieste, città che in quel momento calcisticamente era in grosse difficoltà. Gli dissi che se a Trieste avesse portato la squadra in Serie B, non avrebbe avuto alcun problema né di stadio né, di seguito, di pubblico, in quanto la piazza era ed è importante. Lui mi rispose che voleva portare il Pordenone in Serie B, perché era la sua città.

Come ha risposto la città al lavoro e ai grandi risultati ottenuti? Gli unici da salvare sono quelle 1000 persone che da cinque anni sono sempre presenti al Bottecchia, Sergio Bolzonello e il Presidente onorario Zuzzi che, per quanto hanno potuto, sono sempre stati vicini alla squadra neroverde. Oggi la Serie B non è matematica ma con 11 punti in 8 partite lo sarà!

In quel momento il clan Lovisa, che ha messo sempre di tasca propria, avrà solo 2 scelte: portare la squadra a giocare a Udine e/o Treviso e mantenere tutto il settore giovanile e professionistico a Pordenone, sempre che il Comune permette ancora ai giovani di allenarsi e giocare nel centro giovanile.

Pordenone è città di basket: se Lovisa avesse portato la squadra cittadina in A avrebbe al palazzetto 4000 spettatori, giocherebbe in Coppa Campioni e avrebbe una via o una statua a lui dedicata.

Io ritengo che la soluzione più naturale sia quella di costituire a Udine un grosso polo calcistico che ha come bandiera l’aquila Friulana; del resto a Verona non vi sono 2 squadre che giocano in Serie A e B e addirittura sono state per anni insieme in Serie A?

Nelle province di Udine e Pordenone ci sono 700.000 persone; un bacino elettorale importante: a buon intenditor poche parole…

Alla prossima!

Avv. Maurizio Mazzarella

P.S.: Lunedì sera aspettiamo il Monza di “Silvio” e Galliani.