Calcio a 5: Palmanova si conferma “bestia nera” del Maccan Prata

27.02.2022 08:57 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Calcio a 5: Palmanova si conferma “bestia nera” del Maccan Prata

Palmanova “bestia nera” del Maccan Prata. Bruseschi stregato per i gialloneri, che perdono il terzo confronto di fila con gli amaranto al termine di una gara in cui pure hanno tenuto costantemente il pallino del gioco. Sfugge, così, il primato, per il quale ci si giocherà tutto sabato prossimo in casa col Pordenone, nello scontro diretto.

Primo tempo contratto, con diverse occasioni per parte, anche se a far la partita è perlopiù il team di Sbisà. Boin e Morassi fanno buona guardia fra i rispettivi pali e il parziale resta così inchiodato sullo 0-0 (per il Palmanova, per la terza frazione di fila). Serve la ripresa, così, perché l’inerzia si sblocchi. Il Maccan ci crede di più e a 6’57’’ passa a condurre con una girata di Rexhepaj da fuori. A 8’28’’ Davide Zecchinello ha l’occasione più ghiotta per raddoppiare in contropiede solitario, ma a tu per tu con Morassi finisce per calciargli addosso in uscita. L’inerzia si inverta a 10’18’’. Boin, fin lì superlativo, esce con forse un po’ troppa avventatezza su Ljuskic: palla o uomo? Per l’arbitro Guadagnini il secondo, ma il rosso pare comunque esagerato. Già 9’’ dopo, in ogni caso, il Palmanova perviene al pari con una conclusione di Kovačic dalla trequarti, dritta sotto l’incrocio del primo palo. Quindi, a 14’33’’, Sovdat rivolta l’incontro cogliendo il secondo palo interno dal limite. A quel punto Sbisà osa subito il portiere di movimento, alzando a quinto uomo Spatafora, e a 15’09’’ Imamovic si divora subito il pari sparando incredibilmente alto da due passi il più facile dei tap-in. L’assedio, poi, non frutta più nulla. A 19’02’’ Sovdat scaraventa in rete dalla propria metà campo una palla persa, allungando la forbice in modo apparentemente irrimediabile. L’unico barlume di speranza lo regala Kovačic facendosi ingenuamente espellere per doppia ammonizione sulla battuta del seguente calcio d’inizio. In 5 contro 3 il Maccan raddoppia con Gabriel a 15’’ dal termine, ma la chiosa definitiva la pone Bozic a 19’55’’ in contropiede. Lo sloveno poi irride la tribuna giallonera, di fatto scaldando gli animi a ridosso della sirena: onore al Palmanova per il successo, un po’ meno ad alcuni suoi uomini…

Il tabellino:

PALMANOVA 4 MACCAN PRATA 2

PALMANOVA Morassi e Mazzilis (portieri), Carbone, Ljuskic, Stestili, Sluga, Randelovic, Kandic, Bozic, Kovačic, Langella, Sovdat. All. Gallarati.

MACCAN PRATA Boin e Gabriele Azzalin (portieri), Guandeline, Simone Zecchinello, Gabriel, Simone Azzalin, Štendler, Spatafora, Douglas, Imamovic, Rexhepaj, Davide Zecchinello. All. Sbisà.

Arbitri Di Filippo di Treviso e Guadagnini di Castelfranco Veneto; cronometrista Grossutti di Udine.

Marcatori Nella ripresa, a 06’57’’ Rexhepaj, a 10’27’’ Kovačic, a 14’33’’ e 19’02’’ Sovdat, a 19’45’’ Gabriel, a 19’55’’ Bozic.

Note Espulsi Rovere (accompagnatore Palmanova) per proteste a 12’46’’, Boin a 30’18’’ per gioco falloso e Kovačic a 39’02’’ per doppia ammonizione. Ammoniti Guandeline, Carbone, Douglas, Ljuskic, Bozic, Štendler.

Tiri liberi 0/0 e 0/0.