Pordenone Calcio: rinascita neroverde

23.09.2021 10:54 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: rinascita neroverde

I ramarri si sono staccati dal palo e questa è la prima cosa positiva. Ora non sono più ultimi. E’ bastato il punto guadagnato nel match al Teghil con la Reggina (1-1) per lasciarsi alle spalle Alessandria e Vicenza ancora a quota zero.

La seconda nota positiva è arrivata dal fatto che finalmente qualcuno vestito di neroverde è riuscito a cacciare un pallone alle spalle di un portiere avversario. A rompere il ghiaccio è stato Luca Magnino (centrocampista) nato il 13 agosto del 1997 proprio a Pordenone, caratteristica piuttosto rara nella rosa che la società ha messo a disposizione di Paci prima e di Rastelli poi.

“E’ stata una grande emozione – ha detto Luca -. Ora speriamo che anche gli attaccanti si sblocchino perché hanno grandi qualità”.

Martedì sera Massimo Rastelli è ricorso al 4-3-1-2 schieramento base con il quale Attilio Tesser aveva condotto i ramarri sino alla semifinale playoff per la promozione in serie A due stagioni orsono. Contro la Reggina ha dato segni di ripresa anche la difesa che tutto sommato ha contenuto bene le iniziative di Montalto e compagni arrendendosi nel finale solo a Galabinov fortunosamente servito da Bellomo. Un vero peccato perché almeno per l’impegno profuso i neroverdi avrebbero meritato di conquistare l’intera posta in palio.

A centrocampo e in attacco c’è ancora da lavorare. Rastelli lo sa benissimo.

“Avremmo meritato di vincere – ha detto Satanasso – perché i ragazzi hanno fornito una buona prestazione contro un avversario in forma. Anche il pareggio però – ha evidenziato - deve essere considerato in maniera positiva e deve costituire un incentivo per continuare a crescere”.