Pordenone-Spal, 3-3 il finale dal Teghil di Lignano

17.10.2020 13:55 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Pordenone-Spal, 3-3 il finale dal Teghil di Lignano

Benvenuti alla diretta live di tuttopordenone di Pordenone-SPAL, prima gara ufficiale dei Ramarri allo stadio Teghil di Lignano, valida per la terza giornata del campionato di Serie B e aperta al pubblico con circa 700 biglietti messi a disposizione della società neroverde ai propri tifosi che possono così rivedere dal vivo i loro beniamini.

Pordenone reduce da due pareggi nelle prime due gare di campionate giocate nelle forzate trasferte di Lecce (0-0) e Vicenza (1-1).

Prima del fischio d'inizio il presidente del Pordenone Calcio Mauro Lovisa ha consegnato a centrocampo la maglia ufficiale dei Ramarri al sindaco di Lignano avv. Luca Fanotto.

Pordenone – Spal 3-3 (FINALE)

GOL: pt 5′ Diaw, 19' Barison, 29' Castro, st 1' Strefezza, 7' Paloschi, 44' rig. Diaw

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Berra (24′ st Vogliacco), Camporese, Barison (24′ st Bassoli), Falasco; Magnino, Calò, Rossetti (20′ st Zammarini); Ciurria; Butić (10′ st Musiolik), Diaw. A disp.: Bindi, Stefani, Pasa, Secli, Misuraca, Scavone, Chrzanowski. All. Tesser.

SPAL (3-4-3): Berisha; Salamon, Vicari, Tomovic; Sernicola, Murgia, Valoti, Castro (24′ st Brignola); Strefezza (32′ st Missiroli), Paloschi (32′ st S. Esposito), D’Alessandro (1′ st Dickmann). A disposizione: Galeotti, Thiam, Ranieri, Okoli, Esposito Sebastiano, Spaltro, Moro, Jankovic. All. Mezzini.

ARBITRO: Sacchi di Macerata. Assistenti Robilotta di Sala Consilina e Avalos di Legnano. Quarto ufficiale Paterna di Teramo.

NOTE: al 46′ st espulso Dickmann per doppia ammonizione. Ammoniti anche D’Alessandro, Paloschi, Salamon e Magnino. Angoli 7-6. Recupero: pt 2′; st 5′. Spettatori 459, incasso 5.893 euro.

Primo tempo:

1' Partiti

3' Pordenone subito pericoloso. Butic atterrato in area. Neroverdi reclamano calcio di rigore.

5' Gol Pordenone! Affondo di Diaw che buca Berisha. Secondo centro consecutivo per il nostro bomber. Pordenone-Spal 1-0!

8' ancora il Pordenone pericoloso con una conclusione di Butic che però non sorprende Berisha

17' Ancora Pordenone. Ciurria nel tentativo di servire Rossetti sulla fascia sinistra viene intercettato da Salamon che rinvia sui piedi di Magnino che esalta le qualità balistiche di Berisha che si salva in corner. Alla battuta va Calo' che trova pronto Alberto Barison per l'incornata vincete. Pordenone-Spal 2-0

29' accorcia le distanze la Spal. Colpo di testa sul secondo palo di Castro che trova impreparata la difesa neroverde. Pordenone-Spal 2-1

42' traversa Spal con Vicari di testa da angolo battuto da Sernicola scaturito da un'azione precedente pericolosa rifinita ancora di testa da Castro ma Perisan è pronto a salvare la porta neroverde

45'+2' dopo due minuti di minuto squadre a riposo con Rossetti che sfiora angolo a sinistra di Berisha nell'ultima azione del primo tempo.

Secondo Tempo:

1' partiti e pareggia subito la Spal con una gran conclusione di Strefezza all’angolino: Pordenone-Spal 2-2

7′ la Spal ribalta il match. Segna Paloschi appostato come un falco sul secondo palo dopo una punizione battuta dalla sinistra da Murgia e spizzata poi di testa da Tomovic: Pordenone-Spal 2-3.

10′ primo cambio nel Pordenone: esce Butić ed entra Musiolik.

20′ secondo cambio nel Pordenone: esce Rossetti ed entra Zammarini.

24′ doppio cambio neroverde: escono Berra e Barison, entrano Vogliacco e Bassoli

34′ guizzo di Calò che conquista palla al limite della area spallina e cerca l'affondo vincente ma viene chiuso in angolo.

38' guizzo di Musiolik sulla sinistra che non trova l'inserimento di Diaw appostato in area

44' pareggio neroverde ad opera di Diaw che trasforma di potenza su calcio di rigore assegnato per un fallo di mani in area di Murgia

45' assegnati 5 minuti di recupero

45'+5' Finisce 3-3 la prima partita giocata al Teghil del Pordenone tra gli applausi dei quasi 500 presenti sugli spalti.

Prossimo turno martedi 20 ottobre ore 21.00 vede i Ramarri impegnati in trasferta contro il Cittadella.