Pordenone Calcio: il bacio della dea a Maurizio Domizzi

07.04.2021 08:17 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Pordenone Calcio: il bacio della dea a Maurizio Domizzi

Non Pasqua, ma Pasquetta di resurrezione. Una vittoria pur se roboante (3-0) contro l’ultima della classe non può certo essere valutata come un’autentica svolta nel percorso dei ramarri. Per vedere se le cose sono effettivamente cambiate bisogna attendere sino a sabato quando Stefani e compagni dovranno affrontare un test decisamente più probante allo Zini di Cremona contro Strizzolo e compagni che li sopravanzano in classifica con due punti di vantaggio e sono reduci da blitz di Cosenza (1-0 firmato proprio dalll’ex beniamino del popolo neroverde).

E' anche vero però che il Pordenone visto lunedì al Teghil ha giocato con una foga che sembrava aver perso nella batosta (1-4) al Rigamonti con il Brescia solo tre giorni prima. Certo i diavoletti liguri hanno un peso specifico ben inferiore di quello dei bresciani, ma la trasformazione è apparsa evidente. Tutto merito di Maurizio Domizzi che solo due giorni prima aveva preso il posto di Attilio Tesser sulla panca neroverde?

La risposta è arrivata dallo stesso neotecnico.

“Cosa ho detto ai ragazzi prima della partita? Solo di interpretare quello che hanno sempre proposto, ma con maggior coraggio”.

Difficilmente Domizzi avrebbe potuto in poche ore di allenamento avute a disposizione prima del match con la Virtus cambiare schieramento tattico. Vedremo se lo farà nelle prossime partite. Di certo l’ex difensore di Napoli, Udinese e Venezia (sino a quattro giorni fa tecnico della Primavera neroverde) gode dei favori di Tyche, dea della fortuna con la palla in mano. Ha avuto a disposizione infatti giocatori importanti ai quali Tesser aveva dovuto rinunciare per infortuni o contagi da Covid.

Ieri poi la società ha annunciato la conclusione del periodo di quarantena fiduciaria della squadra dovuta ai contagi da Coronavirus dopo aver ricevuto gli esiti degli ultimi tamponi effettuati al De Marchi che hanno confermato la negatività dell’intero gruppo squadra. Non solo: lunedì è cambiato anche il trend negativo nelle direzioni arbitrali che aveva sin qui contraddistinto l’intero campionato neroverde costato ai ramarri una dozzina di punti per falli da rigore non rilevati e gol validi inspiegabilmente annullati.

Lunedì il signor Meraviglia di Pistoia ha ignorato invece un pericoloso contatto in area naoniana fra Bassoli e Brunori. Poter disporre dei favori della sorte è un optional di rilevante importanza nella corsa verso il raggiungimento degli obiettivi societari che prevedono la garanzia della permanenza in categoria da ottenere prima possibile. Senza scordare mai i meravigliosi capitoli di storia neroverde scritti in due anni e mezzo dal komandante Tesser ora bisogna sostenere con convinzione e amore per i colori neroverdi la rekluta Domizzi.

GRIGIOROSSI NEL MIRINO – La serie B dell’era Covid non concede pause. Ieri Stefani e compagni erano già di nuovo al lavoro sui rettangoli del centro sportivo di via Villanova di sotto. Il programma settimanale prevede una seduta al giorno. Oggi saranno agli ordini di Domizzi dalle 15 così come domani. Venerdì mattina alla 11 inizierà la seduta di rifinitura al termine della quale il tecnico promosso dalla Primavera stillerà la lista dei convocati per la sfida del giorno dopo a Cremona.