Pordenone Calcio: oggi ripresa ancora individuale per i Ramarri

18.05.2020 08:14 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Dario Perosa - Gazzettino di Pordenone
Pordenone Calcio: oggi ripresa ancora individuale per i Ramarri

Per Stefani e compagni quella odierna avrebbe dovuto essere la giornata della ripresa degli allenamenti collettivi dopo due mesi e mezzo spesi ad allenarsi da soli a casa o negli ultimi giorni al De Marchi. La speranza di poter riprendere il lavoro normale è invece stata spazzata via dall’ultima assemblea di lega B tenutasi lo scorso 15 maggio al termine della quale è stato rilasciato un comunicato nel quale si legge: “In ragione dell’assenza al momento di un provvedimento governativo di autorizzazione alla ripresa degli allenamenti in forma collettiva, nonché del relativo protocollo, si ritiene necessario, all’esito dell’eventuale pubblicazione di tale provvedimento e previa valutazione circa l’applicabilità del protocollo stesso da parte dei club, il decorso per la ripresa degli allenamenti in forma collettiva di un periodo di 10 giorni dalla sua emanazione per esigenze organizzative e gestionali”. Anche il clan neroverde quindi, come tutte le altre squadre della cadetteria continuerà a lavorare con gli stessi criteri della settimana scorsa in attesa che Governo, Figc e La stessa Lega B trovino un accordo sul protocollo da seguire per ricominciare la vita sportiva normale. E’ ovvio il fatto che più tardi riprenderanno gli allenamenti di squadra, più tardi riprenderà il campionato di serie B. “Fare ipotesi e date di questi tempi – ha affermato con grande realismo Attilio Tesser – è inutile”.

L'interesse maggiore è ovviamente posto sulla ripresa del massimo torneo di calcio italiano per tutte le implicazioni economiche che comporterebbe uno stop definitivo. Ma a ciò che succede in serie A guardano con interesse e preoccupazione anche le società e i protagonisti del campionato cadetto. Fra questi pure  Tesser. "Io posso solo esprimere la mia speranza – ha ripreso il tecnico del Pordenone - che effettivamente si possa riprendere anche in serie B subito dopo la serie A. I nostri ragazzi stanno tutti bene e, come noi dello staff, hanno una grande voglia di ricominciare. Non solo – ha continuato il tecnico della promozione in B -: saremmo tutti molto dispiaciuti se il torneo dovesse ricominciare a porte chiuse, senza il calore dei nostri tifosi”. Nelle prime 28 gare di questa travagliata stagione il Pordenone alla Dacia Arena ha fatto registrare una capienza media di tremila 491 spettatori, con una punta massima di seimila 856 nel match contro la Cremonese. In uno stadio da 25 mila 132 posti come quello di piazzale Repubblica Argentina non dovrebbero esserci problemi a sistemarli in piena osservanza delle disposizioni di distanza sociale emanate per contenere i contagi da Corona virus.