Pordenone Calcio: l'ottimismo di mister Domizzi

12.04.2021 08:30 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: l'ottimismo di mister Domizzi

La fiducia e il coraggio chiesti da Maurizio Domizzi alla vigilia della sfida di Cremona non sono mancati ai ramarri che sono usciti dagli spogliatoi dello Zini belli carichi e al quinto minuto erano già in vantaggio grazie a Roberto Zammarini abile a sfruttare un assist di Patrick Ciurria per spedire il pallone alle spalle di Carnesecchi. Avrebbero potuto anche raddoppiare cinque minuti dopo quando Zamma ha restituito il piacere a Ciurria servendogli un buon pallone che il fante ha però spedito sul fondo. Dopo l’inizio più che promettente sono emerse le ben note lacune dell’organico neroverde e sono risultati chiari i veri valori in campo delle due contenti. I grigiorossi hanno preso in mano le redini della partita e hanno ribaltato il risultato con i gol di Valeri e dell’ex neroverde Luca Strizzolo condannando i ramarri all’undicesima sconfitta stagionale, l’ottava nelle tredici gare sin qui giocate nel girone di ritorno dopo la finestra di mercato dello scorso gennaio e l’assalto del Covid al gruppo squadra naoniano.

“L’impatto è stato buono – ha concordato Maurizio Domizzi -. Siamo riusciti ad andare in vantaggio e abbiamo pure costruito i presupposti per il raddoppio. Direi che tutto il nostro primo tempo è stato di buona qualità. I ragazzi hanno fatto quello che avevamo preparato. Nel secondo tempo invece – ha ammesso poi il tecnico promosso dalla Primavera – abbiamo sofferto la qualità della Cremonese che ha ribaltato il risultato. Ho cercato di cambiare la storia del match variando assetto tattico adottando anche soluzioni che i ragazzi non avevano provato in allenamento (pure con la difesa a tre con Biondi al posto di Falasco e con l’inserimento di Butic al posto di Zammarini, ndr). Cosa che ci ha permesso – ha sottolineato la rekluta Domizzi - di costruire un paio di buone occasioni per agguantare il pareggio”.

Occasioni mancate malamente da Mallamo e Musiolik.

“Non siamo riusciti a rimettere in piedi la partita, ma – guarda avanti con fiducia il tecnico -, ma ho visto che sono soluzioni sulle quali possiamo lavorare. Ora avremo una settimana intera per preparare la sfida al Teghil con il Frosinone (sabato con inizio alle 18, ndr). Spero anche – ha concluso la rekluta – che qualcuno degli assenti a Cremona possa recuperare e reinserirsi nel gruppo”.

Il Pordenone di Domizzi paga dunque a caro prezzo gli errori dei singoli. In particolare quelli di Berra che, fra gli altri, ha pure regalato a Valeri la palla del pareggio grigiorosso e di Musiolik che ha clamorosamente mancato al 94’ l’occasione che avrebbe potuto permettere ai neroverdi di uscire dallo Zini con almeno un punto. Errori che hanno ridotto a soli 3 punti (ma con la gara con il Pisa da recuperare il 27 aprile) il margine di vantaggio sulla zona playout. L’Ascoli (sedicesimo) ha infatti sorprendentemente battuto il Monza (1-0) e si è portato a quota 34.

“Siamo ancora fuori dalla zona calda – ha evidenziato Domizzi – e abbiamo quindi ancora il nostro destino nelle nostre stesse mani senza dover guardare a ciò che fanno gli altri”.

Per conservare questo privilegio i ramarri riprenderanno a lavorare questo pomeriggio al De Marchi a partire dalle 15 per preparare il match in calendario sabato con il Frosinone. Domani sosterranno una seduta doppia alle 11 al mattino e alle 15 al pomeriggio. Mercoledì e giovedì si troveranno alle 15. Venerdì mattina infine Domizzi e il suo staff dirigeranno la seduta di rifinitura al mattino e poi dirimeranno la lista dei convocati per il match con i ciociari che stanno attualmente appaiati al Pisa soli tre punti sopra il Pordenone.