Pordenone Calcio, Lovisa: “Valgono i verdetti maturati sul campo”

09.05.2020 08:20 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Dario Perosa - Gazzettino di Pordenone
Pordenone Calcio, Lovisa: “Valgono i verdetti maturati sul campo”

“Bisogna completare i campionati di serie A e B”. Mauro Lovisa conferma una volta di più la linea del Pordenone. “La ripresa è vitale per tutte le società delle due categorie maggiori – ha ribadito il numero uno neroverde a calciomercato24 -. Lo sarebbe stato anche per quelle di serie C – lascia intendere il suo pensiero - il cui campionato è stato invece bloccato definitivamente. Credo che la terza serie vivrà un’estate di ricorsi con aule di tribunale affollate”.

L’impressione generale è che i campionati di serie A e serie B riprenderanno perché ci sono troppi interessi economici in gioco. Si continuerà però a vivere in un clima d’incertezza sino a quando Governo e Comitato tecnico-scientifico della Figc non troveranno un accordo sul protocollo da seguire in caso di ripresa. L’incontro di giovedì scorso non ha prodotto risultati definitivi e per questo la riunione del Consiglio federale in programma ieri è stata rinviata a data ancora da stabilire.

Circola con insistenza l’ipotesi che in caso di mancato accordo anche i tornei delle due maggiori categorie potrebbero essere bloccati definitivamente con titoli, promozioni, accesso alle coppe e retrocessioni decise a tavolino come successo in serie C. Lovisa si augura che ciò non succeda anche se una delle possibili soluzioni per definire la promozione in serie A prevede che venga tenuta in considerazione la posizione in classifica maturata dalle squadre al termine del girone di andata. In tal caso i ramarri vicecampioni d’inverno potrebbero festeggiare il centenario a ottobre nella massima categoria. “Io sono favorevole ai verdetti maturati sul campo – ha confermato però Lovisa – al termine dei campionati”. In altre parole re Mauro punta alla serie A, ma vuole che il suo Pordenone se la conquisti sul campo, come sul campo ha effettuato tutta la scalata dall’Eccellenza alla serie B.

Uno dei dubbi sollevati dal comitato tecnico-scientifico riguarda la possibilità che a ripresa avvenuta qualche giocatore risulti positivo al virus. Possibilità per altro non remota visti i casi di contagio (per lo più asintomatici) denunciati proprio ieri da Torino, Fiorentina e Sampdoria. “Se dopo la ripresa ci dovessero essere dei contagiati – è la posizione di Lovisa – questi verrebbero isolati e posti in quarantena”. Soluzione che lui ha vissuto in prima persona avendo contratto il virus e avendolo vinto. “E’ stata una brutta influenza – ha raccontato -. Sono stato fortunato nel poterla gestire a casa. Da 15 giorni sono ormai operativo – ha rassicurato re Mauro - e mi sento molto bene”.