Pordenone Calcio: Ramarri a Monza senza paura

06.03.2021 10:00 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: Ramarri a Monza senza paura

Il piccolo Davide contro il gigante Golia si incontreranno nel tardo pomeriggio di oggi (inizio alle 18 in diretta su Rai Sport) al Brianteo (ora chiamato U-Power Stadium) di Monza. Il viticoltore di Pordenone (come Dazn ha definito Mauro Lovisa in un recente speciale a lui dedicato) che ha rilevato i ramarri nei dilettanti regionali nel 2007 per portarli sino alla serie B contro l’imprenditore lombardo, ex presidente del Consiglio, che nel 2007 portava il Milan a vincere la coppa dei campioni ad Atene contro il Liverpool e che ora vuole portare il Monza in serie A. La rosa a disposizione di Cristian Brocchi che comprende anche gli ex rossoneri Mario Balotelli e Kevin Prince Boateng vale poco meno di cinquanta milioni di Euro. Il roster neroverde, dopo il largo ringiovanimento delle ultime sessioni di mercato, viene valutato poco più di dodici milioni. Numeri e dati che danno chiare indicazioni su come dovrebbe finire il confronto. E’ altrettanto vero però che con una rosa del genere il Monza dovrebbe comandare il campionato. Invece si trova al momento solo al terzo posto a quota 44 con una lunghezza di distanza dal Venezia e cinque dalla capolista Empoli che hanno rose dal valore inferiore (40 milioni quella dei toscani, 22 milioni quella dei veneti). Il Pordenone attualmente è undicesimo con 33 punti, cinque lunghezze sotto la zona playoff e 5 sopra quella dei playout. La differenza rimane consistente, ma la storia insegna che anche un piccolo Davide può aver ragione del colosso Golia.

“Il Monza ha valori importantissimi – riconosce ovviamente Attilio Tesser -, ma noi dovremo scendere in campo senza paura e senza timore reverenziale, stati d’animo che renderebbero le cose ancora più difficili. Sarà necessario alzare il livello di cattiveria calcistica esibito nelle ultime gare durante le quali – si rammarica ancora il komandante – abbiamo saputo comunque creare almeno un paio di situazioni da gol importanti senza concretizzarle prima di subire la maggior precisione degli avversari”.

Tesser indica pure come affrontare campioni del calibro di Super Mario e Kevin Prince.

“Per cercare di limitarli – dice – i ragazzi dovranno essere più che mai squadra aiutandosi l’un l’altro e cercando di evitare errori”.

Nel Monza sarà assente lo squalificato Davide Diaw ceduto dal Pordenone ai brianzoli nella finestra di mercato invernale. Fra i pali invece ci sarà Michele Di Gregorio (rientrato al termine della passata stagione all’Inter che poi l’ha girato ai brianzoli.

“Sono stati elementi importanti per noi – riconosce Tesser -. Michele si è conquistato il posto da titolare ed è stato uno degli elementi fondamentali nella corsa verso i playoff della passata stagione. Davide se n’è andato da capocannoniere. Al di là del loro valore di giocatori – sottolinea il tecnico - ci mancano anche come uomini”.

Al Brianteo scenderà un Pordenone ancora in emergenza. Mancheranno infatti Bassoli, Butic, Calò, Falasco e Pasa oltre a Finotto.

“Sono defezioni importanti alle quali – ricorda il komandante – siamo ormai abituati. Spero di riuscire a portare Musiolik almeno in panca”.

Il polacco firmò il momentaneo vantaggio dei ramarri al primo minuto nel match di andata al Teghil. Maric nella ripresa andò a segno fissando il risultato sull’1-1. Tesser come sempre non fornisce indicazioni sull’undici iniziale. Potrebbero cominciare Perisan fra i pali, Vogliacco, Camporese, Stefani e Chrzanowski in difesa, Magnino, Misuraca e Zammarini a centrocampo con Biondi alle spalle di Ciurria e Morra. Brocchi potrebbe rispondere con un 4-3-3 composto da Di Gregorio; Donati, Bellusci, Bettella, Carlos Augusto; Frattesi, Barberis, Barillà; D’Alessandro, Balotelli, Dany Mota.

A dirigere il match è stato designato Eugenio Abbattista. Il fischietto della sezione di Molfetta sarà coadiuvato dagli assistenti Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore (Sa) e Domenico Palermo di Bari. Il quarto uomo sarà Manuel Volpi di Arezzo. Abbattista ha diretto il Pordenone nella gara pareggiata (2-2) contro la Reggina.