Pordenone Calcio: Ramarri verso Brescia con orgoglio e determnazione

01.04.2021 08:38 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: Ramarri verso Brescia con orgoglio e determnazione

Altri due ramarri sono dunque tornati a disposizione di Attilio Tesser per la trasferta di domani a Brescia. Al momento sono otto ancora i componenti il gruppo squadra contagiati. A questi bisogna aggiungere gli acciaccati Vogliacco, Finotto e Morra. Quest’ultimo è stato operato l’altro ieri a Villa Stuart a Roma dal professor Pierpaolo Mariani in seguito alla rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro durante la partita con il Pescara. Sono in fase di recupero Bassoli e Butic che ovviamente non sono però nelle condizioni migliori per poter dare il loro contributo. Questa mattina Tesser e Strukelj tireranno le somme e stileranno la lista dei convocati per il match di domani a Brescia. Chiunque uscirà domani dagli spogliatoi del Rigamonti dovrà comunque dare il massimo e anche qualcosa di più per non tornare a casa a mani vuote.

Il Brescia che occupa il decimo posto in classifica a quota 39 è reduce da una sconfitta immeritata (0-1) a Salerno, ma in precedenza il team rivitalizzato dal tecnico spagnolo Pet Clotet aveva infilato quattro vittorie di seguito senza subire gol, con Cosenza (2-0), a Venezia (1-0), a Frosinone (1-0) e con la Reggina (1-0). Poker che ha rilanciato le ambizioni di playoff del club di Cellino. L’ottavo gradino della classifica (ultimo valido per accedere all’appendice nobile), occupato dal Chievo, dista cinque lunghezze dalle rondinelle. I veronesi saranno domani impegnati al Bentegodi in una sorta di difficile scontro diretto con la Spal settima in classifica. Ovvio che il Brescia intenda sfruttare al meglio una sfida che sulla carta appare come più che abbordabile contro la formazione neroverde largamente rimareggiata.

L’approccio dei ramarri alla sfida con le rondinelle invece non è certamente stato dei migliori. Non vincono dal 9 febbraio, splendida giornata in cui espugnarono (3-1) il Mazza di Ferrara (unica vittoria del girone di ritorno). Dopo quell’exploit hanno incassato due soli punti (pareggi con Ascoli e Pescara) in sette partite anche se non hanno mai lesinato impegno e determinazione come in occasione della sconfitta immeritata e di misura (0-1) in casa della capolista Empoli prima dello stop per il rinvio della sfida con il Pisa causa contagi Covid e la pausa per gli impegni delle nazionali.

Impegno, determinazione e orgoglio che dovranno mettere in campo domani al Rigamonti per cercare di tenere a distanza la zona playout che sta appena cinque punti sotto.