Pordenone Calcio: Bassoli, l'eroe di Cagliari, neroverde sino al 2023

03.08.2021 12:38 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Pordenone Calcio: Bassoli, l'eroe di Cagliari, neroverde sino al 2023

“Il Pordenone è diventato una seconda famiglia, Pordenone una seconda casa. Sarebbe per me un grande orgoglio raggiungere quota 100 presenze in maglia neroverde”. Sono parole pronunciate da Alessandro Bassoli nel novembre del 2020 quando firmò il suo primo rinnovo col Pordenone sino al 2022. Sino ad ora ha vestito la casacca dei ramarri 91 volte. Ieri l’ufficio stampa neroverde ha comunicato che Alessandro ha accettato un ulteriore prolungamento del suo contratto sino a tutto giugno 2023. Avrà quindi l’occasione non solo di toccare, ma anche di scavalcare abbondantemente quota cento.

Bassoli è arrivato a Pordenone nell’estate del 2017 proveniente dal Sudtirol. Ha cominciato subito a conquistarsi la stima del popolo neroverde rimasta poi immutata negli anni grazie alla sua capacità di adattarsi in ogni ruolo della difesa secondo le esigenze di squadra. Con il Pordenone ha conquistato la supercoppa di serie C e ha dato il suo notevole contributo per la storica promozione in serie B al termine della stagione 2018-19. Nella mente dei tifosi neroverdi resterà per sempre però il gol che realizzò di testa su cross dalla bandierina di Salvatore Burrai alla Sardegna Arena al 17’ del secondo tempo nel match contro il Cagliari di serie A nei sedicesimi di Coppa Italia 2017-18. Prodezza che sbloccò l’1-1 maturato sino a quel momento in virtù dei gol di Sainz Maza e Dessena e valse ai ramarri militanti in serie C il passaggio agli ottavi di finale. Il Cagliari di Lopez a fine gara venne sonoramente fischiato dai suoi stessi tifosi che tributarono invece un giusto applauso ad Alessandro, Salvatore (sardo di Sassari) e ai loro compagni. Negli ottavi i neroverdi di Leo Colucci misero poi i brividi anche all’Inter di Spalletti che riuscì a imporsi (5-4) solo ai calci di rigore dopo che i supplementari si erano chiusi senza gol.

La specialità di Bassoli non è andare in gol, ma impedire di andare a segno alle punte che deve affrontare. Eppure quello di Cagliari non è stato l’unico pallone calciato alle spalle dei portieri avversari. Alessandro fu decisivo anche nella sfida di campionato vinta dai neroverdi a Teramo, sempre in serie C, nel febbraio del 2018. Letale nell’occasione la sua precisa conclusione di sinistro all’11’ del primo tempo. Ora i suoi sostenitori si aspettano che vada a segno anche in serie B. Con il rinnovo avrà due anni per provarci.