Pordenone Calcio: bentornato re Mauro!

20.09.2021 08:29 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: bentornato re Mauro!

Il derby al Tombolato con il Cittadella non ha cambiato la deprimente situazione in classifica dei ramarri ancora fermi al palo dopo quattro giornate con undici gol subiti e nemmeno un pallone cacciato alle spalle dei portieri avversari. E’ anche vero però che rispetto alle prestazioni precedenti (0-1 con il Perugia all’esordio al Teghil, 0-5 a Ferrara con la Spal, 0-4 con il Parma a Lignano) al Tombolato qualche miglioramento si è visto soprattutto in fase di contenimento e in particolare in difesa. Il Citta infatti ha infilato nel sacco neroverde un solo pallone, calciato da Okwonkwo pronto a ribattere una difettosa respinta di Perisan su conclusione di Baldini. Anche in fase di costruzione di gioco si sono notati dei miglioramenti. Quella che sembra mancare ancora è la determinazione e l’intraprendenza in fase di finalizzazione. Il pareggio sarebbe stato comunque il risultato più giusto anche perché se il Pordenone è in evidente difficoltà nemmeno il Cittadella di Gorini sembra attualmente all’altezza di quello delle passate stagioni sotto la guida di Venturato.

Dopo l’eliminazione in coppa Italia e quattro sconfitte consecutive in campionato (due con Massimo Paci, due con Massimo Rastelli) non poteva non farsi sentire Mauro Lovisa che ha cercato giustamente di risollevare il morale di Satanasso, dei ramarri e soprattutto del popolo neroverde. Re Mauro punta il suo dito accusatore verso Pairetto e Rossi che al Tombolato erano al VAR, colpevoli di non aver attirato l’attenzione dell’arbitro in occasione di una evidente trattenuta in piena area di Perticone su Pellegrini al 32’ del primo tempo con il risultato ancora fermo sullo zero a zero. Sfogata la sua rabbia per i torti arbitrali subiti Mauro Lovisa ha lanciato poi messaggi di fiducia nei confronti di Rastelli e del gruppo a sua disposizione e di riconoscenza verso il popolo neroverde.

E’ importante che Mauro Lovisa abbia fatto sentire la sua voce. Il Pordenone è cresciuto dai campionati dilettanti regionali alle soglie della serie A con l’accesso ai playoff di serie B (con Attilio Tesser tecnico) con re Mauro sempre in primo piano. Negli ultimi tempi è sembrato tenersi in secondo piano, almeno a livello di comunicazione mediatica. Il popolo neroverde ha bisogno di vederlo e sentirlo sempre in prima linea a guidare squadra e società verso traguardi sempre più importanti.