Pordenone Calcio: dentro Anastasio, fuori Ciciretti

27.01.2022 08:42 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: dentro Anastasio, fuori Ciciretti

La valigia era pronta da tempo, ma l’ufficializzazione è arrivata ieri: Ciciretti ha lasciato il Pordenone ed è passato al Como.

“Il Pordenone Calcio – si legge nella nota emessa dall’ufficio stampa - comunica di aver ceduto l’attaccante Amato Ciciretti al Como. Trasferimento in prestito sino a giugno 2022, con opzione a favore del club lombardo. Nella stagione in corso – ricorda l’estensore - Ciciretti ha totalizzato 8 presenze con la maglia neroverde”.

Il fatto che non sia riuscito a cacciare nessun pallone alle spalle dei portieri avversari ha evidentemente convinto la dirigenza neroverde a lasciarlo andare. Si allunga quindi la lista di coloro che hanno liberato gli armadietti del De Marchi nel corso del calcio mercato invernale attivo sino al 31 gennaio. Hanno sin qui salutato la compagnia oltre a Ciciretti anche Folorunsho (Napoli, ma desideroso di passare al Pisa), Petriccione (Benevento), Chrzanowski (Wisla Plock), Falasco (Ascoli), Tsadjout (Ascoli) e Luca Magnino (Modena). Altri sicuramente lo faranno prima della chiusura completando il profondo rinnovamento e ringiovanimento della rosa imposto da Mauro Lovisa. Fra questi ci sono Kupisz (Reggina), Camporese (Brescia) e pure Misuraca che ha contribuito notevolmente a scrivere la storia recente del Pordenone.

E' arrivato al De Marchi da Monza invece Armando Anastasio, centrocampista napoletano, classe 1996, che nel girone di andata giocato in prestito nella Reggiana in serie C collezionando sei presenze. Cresciuto nelle giovanili del Napoli nel 2015 è passato al Padova (9 presenze), poi all’Albinoleffe (27 presenze e 3 gol), Parma (8) e Cosenza (3). Nel gennaio del 2019 è tornato al Monza del quale ha vestito la casacca 36 volte segnando 4 gol. Singolare il passaggio nel 2020 al Rijeka in Slovenia dove è rimasto solo mezza stagione per poi rientrare nel gennaio dell’anno scorso al Monza (1 presenza) e passare nell’estate alla Reggiana. La scorsa estate Anastasio è diventato famoso anche sui siti che non si occupano propriamente di calcio per l’inizio della sua storia d’amore con Nicole Mazzocato modella e influencer con una passato nel dating show Mediaset.

Mentre gli operatori di mercato continuano a lavorare per accontentare Mauro Lovisa che ha imposto un largo rinnovamento e ringiovanimento dell’organico neroverde i ramarri si allenano con grande intesità al De Marchi. Ieri hanno sostenuto una doppia seduta, mattino e pomeriggio. Non hanno fatto parte del gruppo gli acciaccati El Kaouakibi, Barison e Mensah. Gli allenamenti proseguiranno oggi e domani sempre di pomeriggio, con inizio alle 14. Per sabato è prevista una seduta mattutina con inizio alle 10.30. Il prossimo avversario dei ramarri sarà la Spal che attualmente ha 22 punti (il doppio di quelli ottenuti sin qui dal Pordenone) e occupa il quindicesimo posto in classifica, ultimo valido per avere la certezza della salvezza senza ricorrere alla lotteria dei playoff. Posizione strana per un club dal passato illustre e di grandi ambizioni. Ne ha fatto ovviamente le spese l’allenatore. Lo scorso 13 gennaio infatti il presidente Joe Tacopina (ex azionista di riferimento anche del Venezia nella stagione 2016-17 quando diede vita a a un battibecco a distanza con lo stesso Mauro Lovisa) ha dato il benservito a Pep Clotet portando sulla panca biancoazzurra Roberto Venturato (ex tecnico del Cittadella). L’obiettivo ribadito dall’avvocato statunitense è quello di riportare la Spal in serie A entro tre anni. Tacopina e sottoposti arriveranno al Teghil di Lignano il 6 febbraio. Obiettivo di re Mauro e sottoposti sarà ripetere la prestazione offerta a Perugia (1-0 con gol di Cambiaghi) e spazzare via il ricordo della manita (0-5) subita all’andata al Renato Curi.