Pordenone Calcio: Diaw capocannoniere è già idolo del popolo neroverde

19.10.2020 08:47 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: Diaw capocannoniere è già idolo del popolo neroverde

C’è più rammarico per aver sprecato il doppio vantaggio (2-0) maturato dopo il travolgente avvio o più soddisfazione per aver agguantato il pareggio (3-3) in virtù del gentile omaggio di Murgia (clamoroso fallo di mano in area 2 minuti dal termine) dopo il ribaltamento (3-2) operato dalla Spal?

Se lo stanno chiedendo ancora tutti, in particolare il mezzo migliaio di tifosi naoniani che hanno assistito alla prima dei neroverdi al Teghil di Lignano e probabilmente lo stesso Mauro Lovisa.

Intanto Per il popolo neroverde Davide Diaw è già diventato un idolo. Dopo aver realizzato il suo primo gol in neroverde a Vicenza (costruito in proprio) l’ex Tamai e Sanvitese ha lasciato un profondo segno, anzi due, nella sfida con gli estensi. Anche in questo caso ha fatto tutto da solo. Dopo appena dopo cinque minuti dal fischio d’inizio si impossessato del pallone, lo ha difeso vincendo il duello fisico con Salamon, e di destro ha battuto Etrit Berisha. Nel concitato finale ha trovato poi la calma e la concentrazione per battere ancora con un siluro imprendibile dal dischetto il portiere della nazionale albanese. Due gol che, con quello di Vicenza, gli consentono già di guidare la classifica marcatori assieme a Tutino della Salernitana. Se il friulano (è nato a Cividale) di origini senegalesi continuerà così non ci saranno rimpianti per il più costoso investimento fatto per un giocatore nella centenaria storia della società.

Domani al Tombolato per Davide sarà una gara speciale da fresco ex. Nella stagione scorsa in granata ha collezionato in campionato 35 presenze impreziosite da 13 gol e 8 assist. L’inizio a Pordenone (3 gol in tre patite) sembra però ancora più promettente.