Pordenone Calcio: la felicità di Karlo Butic

11.02.2021 08:30 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: la felicità di Karlo Butic

In coppa Italia Karlo Butic era andato a segno lo scorso 30 settembre nel match contro il Casarano. Uno dei tre gol rifilati ai salentini portava la sua firma.

Per trovare un suo gol in campionato bisognava risalire al 19 settembre 2019 quando segnò il gol della bandiera cesenate nella sconfitta interna (1-2) con la Vis Pesaro in serie C.

In questo campionato, prima di martedì scorso, aveva indossato la casacca neroverde (oltre a due volte in coppa Italia) in 17 occasioni senza però avere la soddisfazione di finire nella sezione marcatori dei tabellini delle gare giocate. Ovvia quindi la soddisfazione di Karlo dopo aver rotto il ghiaccio al Mazza di Ferrara con il gol segnato al 32’ che ha dato il via allo strepitoso successo (3-1) dei ramarri sulla blasonata Spal. Vittoria importante che ha posto rimedio alla precedente sconfitta al Teghil con il Vicenza (1-2) consentendo ai neroverdi di agganciare il Lecce (costretto al pareggio, 2-2, dal Brescia) all’ottavo posto in classifica, ultimo valido per accedere ai playoff a fine stagione. Il gol segnato da Butic a Ferrara è stato anche il suo primo centro in serie B.

“In realtà – sorride il bomber croato – ne avevo fatto uno anche a Cosenza, ma non mi è stato convalidato”.

Nell’occasione era stato Meraviglia di Pistoia, su segnalazione del collaboratore di linea, ad annullare il gol per un fuorigioco inesistente come testimoniato successivamente dalle immagini.

“Quando martedì ho visto l’arbitro (Di Bello di Brindisi, ndr) indicare il centrocampo – continua Butic – ho provato una felicità enorme. E’ un gol che ho dedicato alla mia famiglia e alla mia ragazza, ma anche ai miei compagni, al mister e alla società neroverde che ha creduto in me. Ringrazio in particolare mister Tesser che mi ha fatto giocare con regolarità anche se non riuscivo ad andare a segno. Sono felice di essere a Pordenone e di far parte di una squadra meravigliosa che gioca sempre con spirito positivo. Lo abbiamo fatto – racconta – anche a Ferrara. Avevamo davanti un avversario forte, ma siamo scesi in campo per fare la partita e vincerla. Una fiducia in noi stessi che dobbiamo preservare – ha concluso – per continuare a crescere”.

E’ contento che Butic abbia rotto il ghiaccio anche Attilio Tesser.

“Se lo meritava – ha affermato il komandante –; sta lavorando con grande impegno durante la settimana e ha sempre disputato buone partite. Sino a martedì gli era mancato un briciolo di fortuna: solo pali e gol annullati. Ora dovrà confermarsi, come tutto il resto della squadra, sabato al Teghil con il Cittadella”.

Per preparare al meglio la sfida con i granata i ramarri erano al lavoro già ieri pomeriggio.