Pordenone Calcio: la muta del ramarro, se ne va anche Burrai

06.09.2020 08:44 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: la muta del ramarro, se ne va anche Burrai

Anche Salvatore Burrai se ne va. Il metronomo sardo, capace di dettare tempi e ritmi della manovra neroverde, starebbe per lasciare il Pordenone per accasarsi al Perugia, appena retrocesso in serie C, ma desideroso di riguadagnare presto almeno la cadetteria. In cambio dagli umbri arriverà agli ordini di Attilio Tesser Nicola Falasco, il difensore scelto per presidiare la fascia mancina lasciata libera da Michele De Agostini. Con la rinuncia a Salvatore Burrai sono già dieci i protagonisti della splendida cavalcata della passata stagione che non vedremo più in neroverde. Si tratta di De Agostini, Pobega, Strizzolo, Di Gregorio, Candellone, Gasbarro, Almici, Zammarini, Mazzocco e Bocalon. L’impressione è che l’esodo non si fermerà qui. Sarà un ramarro nuovo e diverso quello che affronterà la sua seconda stagione in serie B. Stagione che coinciderà con il centenario dalla fondazione ufficiale della società. Il riconfermato Attilio Tesser dovrà ancora una volta far ricorso a tutta la sua esperienza e al suo bagaglio di conoscenza del mestiere per mettere insieme una formazione in grado regalare ai tifosi neroverdi le stesse soddisfazioni che hanno ricevuto dai protagonisti dell’ultima sorprendente stagione affrontata e giocata da matricola in cadetteria.

I NUMERI DEL METRONOMO – Salvatore Burrai, nato a Sassari nel 1987, arrivò in riva al Noncello nell’estate del 2016, operazione suggerita da Bruno Tedino come quelle di Stefani, De Agostini, Strizzolo, Misuraca e Semenzato. Complessivamente nelle sue quattro stagioni pordenonesi Burrai ha vestito 149 volte la casacca neroverde, ha realizzato 25 gol e confezionato 47 assist.