Pordenone Calcio: Ramarri a Piacenza in cerca del tris

12.11.2022 09:30 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: Ramarri a Piacenza in cerca del tris

Sarà un Pordenone bello carico quello che si presenterà questo pomeriggio al Garilli di Piacenza (fischio d’inizio alle 17.30) dopo le manite (5-1 alla Pergolettese, 5-0 al Lecco) rifilate alle avversarie nelle ultime due giornate. L’obiettivo è rientrare dall’Emilia con altri tre punti per mantenere la prima posizione in classifica condivisa attualmente a quota 23 con il Renate che sempre oggi (14.30) sarà impegnato al Rocco di Trieste contro i rossoalabardati guidati ora dall’ex neroverde Massimo Pavanel che ha sostituito l’esonerato Andrea Bonatti.

“E’ vero – ha premesso Mimmo Di Carlo - che nelle ultime due partite abbiamo incassato sei punti, realizzato dieci gol e dato un buon segnale a chi ci sostiene. A Piacenza però – ha avvisato i suoi ragazzi – giocheremo contro una squadra che sta facendo bene da quando è stato chiamato a guidarla Cristiano Scazzola. Il nostro obiettivo è vincere! Per riuscire a incassare una nuova vittoria però serviranno testa, intensità e corsa. In settimana – aggiunge con soddisfazione – abbiamo lavorato bene per cui mi aspetto di vedere i ragazzi con lo spirito e l’atteggiamento giusto in uno stadio grande e bello”.

Impianto nel quale ci sarà sicuramente anche parecchio pubblico pronto a sostenere i lupi biancorossi. Non mancheranno però nemmeno i soliti aficionados del fan club PN Neroverde 2020 che anche in mezzo a tanti tifosi emiliani sapranno sicuramente farsi sentire come sempre. Ancora una volta la lista degli acciaccati è nutrita. Comprende Andreoni, Deli, Magnaghi, Negro Pirrello e pure Palombi che si sperava potesse rientrare. Di Carlo dovrebbero quindi confermare lo stesso undici iniziale mandato in campo a Piacenza con Festa tra i pali, Bruscagin, Ajeti, Bassoli e Benedetti in difesa, Torrasi, Burrai e Pinato a centrocampo con Zammarini ancora trequartista alle spalle della coppia di attaccanti composta da Candellone e Dubickas. Quest’ultimo è un ex lupo rimpianto dal popolo biancorosso. Dopo la vittoria (2-1) di Mantova anche a Piacenza guardano al futuro con decisamente più ottimismo. Per i lupi biancorossi si è trattato del primo successo stagionale, ma è stato sufficiente per abbandonare l’ultimo posto in classifica che comporta la retrocessione diretta occupato ora dalla Virtus Verona. Stato d’animo che ha spinto anche loro a lavorare sodo durante la settimana per cercare di far inciampare in qualche modo anche i ramarri.

“Quella di Mantova – ha sottolineato infatti Cristiano Scazzola richiamato dalla dirigenza piacentina a sostituire Mannuel Scalise a inizio ottobre – è stata una vittoria importante perché ci ha dato la convinzione di essere sulla giusta strada anche se dobbiamo migliorare ancora soprattutto in difesa”. Sino ad ora il Piacenza è la squadra che subito più gol (25) in tutta la serie C. “Ora – ha continuato il tecnico ligure - dovremo misurarci con il Pordenone che ritengo componga con il Vicenza la coppia più forte del girone A. I ragazzi – ha concluso - hanno lavorato bene in settimana e sono certo che daranno il massimo supportati dai nostri tifosi che ci sono sempre vicini e che pure a Mantova ci hanno seguito in 200”.

Scazzola non potrà utilizzare l’acciaccato Parisi e lo squalificato Persia. Dovrebbe quindi mandare inizialmente in campo il suo 3-5-2 con Tintori in porta, Nava, Cosenza e Masetti nel reparto arretrato, Frosinini, Munari, Nelli, Sulljic e Gonzi nel folto centrocampoalle spalle delle punte Cesarini e Morra.

A dirigere la sfida di questo pomeriggio al Garilli è stato designato Alessandro Di Graci della sezione di Como. I suoi assistenti saranno Marco Cerilli di Latina e Andrea Cravotta di Città di Castello. Il quarto ufficiale sarà Giuseppe Sassano di Padova.