Pordenone Calcio: rientra Palombi per un trittico impegnativo

26.11.2022 10:48 di Redazione TuttoPordenone   vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone Calcio: rientra Palombi per un trittico impegnativo

Tre gare nel giro di otto giorni: potrebbe essere una settimana fondamentale per le ambizioni dei ramarri. Dicono tutti che è troppo presto per ritenere fondamentali i risultati ottenuti nel girone di andata, ma mantenere o addirittura accrescere il vantaggio di cinque lunghezze che attualmente i neroverdi vantano sulle immediate inseguitrici sarebbe un bel segnale, caricherebbe ancora di più l’autostima del gruppo agli ordini di Mimmo Di Carlo e con ogni probabilità risveglierebbe pure l’entusiasmo di quei tifosi che attualmente non seguono dal vivo la squadra.  Domani Burrai e compagni sfideranno a Sesto San Giovanni (fischio d’inizio alle 14.30) la formazione biancoceleste che arriva al big match in condizioni smaglianti. Il team di Matteo Andreoletti nelle ultime sei partite ha incassato sedici punti, addirittura uno in più del Pordenone. Percorso che gli ha permesso di agganciare al secondo posto Renate, Feralpisalò e Lecco a quota 24. Sulla carta decisamente più agevole dovrebbe essere il confronto di mercoledì 30 novembre al Teghil con la Pro Patria che divide con la Pro Vercelli il diciottesimo posto in classifica, ma solo quattro giorni dopo i ramarri dovranno vedersela al Silvio Piola proprio con la Pro Vercelli che lo scorso turno ha fermato sull’1-1 il Renate.  In un simile tour de force sarà fondamentale per Mimmo Di Carlo avere a disposizione il maggior numero di giocatori nelle migliori condizioni possibili. Proprio per questo è importante il recupero di Simone Palombi che sino ad oggi ha potuto giocare solo i dieci minuti finali del match a Seregno con il Sangiuliano il 17 settembre. Simone è rientrato fra i convocati già nella partita con il Novara dove però è rimasto in panca. A Sesto potrebbe entrare in corsa per dare il cambio a uno fra Dubickas e Candellone che con ogni probabilità formeranno la coppia d'attacco iniziale con zammarini trequartista alle loro spalle. In casa neroverde sono stati accolti con grande soddisfazione anche i recuperi di Piscopo entrato con grande spirito d’iniziativa nel finale del match con il Novara e di Deli che sarà sicuramente riutilizzato nel corso dei prossimi tre incontri. Al Breda domani non ci sarà invece lo squalificato Benedetti e con ogni probabilità nemmeno gli acciaccati Magnaghi, Andreoni e Negro.

 Mimmo Di Carlo guiderà questa mattina a porte chiuse la seduta di rifinitura al termine della quale la comitiva partirà per la Lombardia dove sarà raggiunta domani dagli aficionados del PN Neroverde 2020 che hanno organizzato una corriera per essere presenti e far sentire la loro voce in mezzo ai supporters biancocelesti che saranno certamente numerosi vista l’importanza della partita e i super sconti (l’accesso nella curva degli ultras costerà un solo Euro) garantiti dalla società di Gabriele Albertini per favorire l’afflusso e il tifo al Breda. Domani Bassoli e compagni dovranno darsi da fare per ridurre al minimo le iniziativa di tutti i biancocelesti che normalmente Andreoletti schiera con il 3-5-2, ma in particolare quelle di Nicolò Bruschi che sino ad ora ha messo sette palloni alle spalle dei portieri avversari, due soli in meno del capocannoniere del girone A Franco Ferrari del Lanerossi Vicenza e due in più del bomber neroverde più prolifico Edgaras Dubickas che domani collezionerà la sua centesima presenza fra nei tornei italiani. Bruschi a Sesto è noto come il cantante-calciatore, genio e sregolatezza in campo e fuori, che coltiva le sue due passioni: il calcio e la musica. I tifosi neroverdi si augurano che domani stoni.