Pordenone calcio: Simone Pasa, una vita da jolly

26.11.2020 08:30 di Redazione TuttoPordenone   Vedi letture
Fonte: Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa
Pordenone calcio: Simone Pasa, una vita da jolly

Non viene utilizzato spessissimo e quasi mai dall’inizio, ma quando Tesser lo chiama Simone Pasa risponde sempre: presente!

A Lecce si è visto tutta la partita dalla panca, a Vicenza è entrato all’88’, con la Spal non ha messo piede in campo, a Cittadella si è alzato dalla panca all’83’, ha visto il match con la Reggina a fianco di Tesser, ad Ascoli è entrato al 66’ e con il Chievo al 77’. Finalmente sabato scorso nella sfida con il Monza di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani è entrato dall’inizio e non è uscito sino al triplice fischio risultando in posizione da centrocampista uno fra i migliori in campo.

“Ha giocato bene tutta la squadra – ci tiene a sottolineare Simone -. Abbiamo fatto un grande primo tempo che avremmo dovuto chiudere con almeno due o tre gol di scarto”.

Invece i ramarri sono andati al riposo con il vantaggio minimo firmato da Sebastian Musiolik dopo appena 18 secondi di gioco.

“Il secondo tempo – ammette il jolly neroverde – è stato più combattuto e non ci sono state grosse occasioni da gol”.

Al Monza ne è bastata una, sfruttata da Maric, per altro in posizione di fuorigioco, per agguantare il pareggio negando a ramarri la gioia della prima vittoria al Teghil.

“Mi spiace per il mancato successo – riprende Simone -, ma personalmente sono contento per aver avuto la possibilità di fare una partita intera”.

Nell’occasione è stato schierato da centrocampista, ma sa cavarsela più che bene anche da difensore.

“Mi diverto di più a centrocampo – sorride il figlio d’arte -, ma sono a disposizone di mister Tesser e gioco quando e dove vuole lui”.

Ovviamente Simone si augura di avere l’occasione di dare il suo contributo anche all’Adriatico di Pescara sabato in occasione del match con i delfini valido per la nona giornata di andata.

“Sarà sicuramente – prevede – un’altra partita difficilissima e combattuta. Noi però vogliamo i tre punti e faremo di tutto per ottenerli. La serie B di quest’anno – sottolinea – è ancora più equilibrata del solito. Non esistono gare scontate e facili per nessuno. Anche gli squadroni sulla carta superiori con organici importanti per la categoria stanno facendo fatica perché in cadetteria – conclude Simone - più che i singoli conta l’organizzazione di squadra”.

Il Pordenone da questo punto di vista non è secondo a nessuno.